Fondo Cagol

Il fondo Cagol è stato acquisito nel 1982 e consta di 975 negativi, di vario formato, raffiguranti i bombardamenti subiti dalla città di Trento nel periodo 1943 - 45.

1992 
Fondo Giulio Cagol (1928-1990) 
(n.975) 
Il fondo Cagol è stato acquisito nel 1982 e consta di 975 negativi, di vario formato, raffiguranti i bombardamenti subiti dalla città di Trento nel periodo 1943 - 45. Questa documentazione è da considerare una omogenea e capillare indagine sui danni subiti dalla città con particolare attenzione ai monumenti e alle chiese. Gli ingrandimenti ricavati dai negativi sono stati raccolti in album per permetterne la rapida consultazione. 
Giulio Cagol avviò la sua carriera di fotografo presso i fratelli Pedrotti nel 1942. Nel periodo 1943 - 45 la ditta poteva contare solo sporadicamente sulla presenza dei suoi componenti: Enrico che, peraltro, aveva già trasferito la propria attività a Bolzano nel 1937, era, assieme ad Aldo, impegnato nella Resistenza; Silvio, richiamato nel battaglione alpino Valfassa, solo verso la fine del '43 riprese il lavoro. Fu solo Mario (1906-1995) che, con l'aiuto di Cagol, gestì l'ordinaria e scarsa attività dello studio. Utilizzando soprattutto apparecchi Leica e Contax documentò, sotto la guida di Silvio Pedrotti, le distruzioni dei bombardamenti aerei alleati, che, a partire dal 2 settembre 1943, furono particolarmente pesanti. Le riprese venivano effettuate subito dopo le incursioni e in alcuni casi anche durante, cercando di fotografare i vari stadi di distruzione con spericolati angoli di ripresa e spesso anche a rischio della propria incolumità. Interessante, fra le altre, la documentazione dell'abbattimento del campanile della chiesa di San Martino (1944) effettuato dagli artificieri, dove le sequenze assumono un ritmo cinematografico; drammatiche le immagini della distruzione della chiesa dei Cappuccini, dell'Annunziata e del cimitero monumentale. Le testimonianze più tragiche sono comunque quelle del bombardamento del rione della Portela e le riprese delle incursioni al ponte ferroviario dei Vodi. Solo l'incoscienza della gioventù permise a Giulio Cagol tanto coraggio, dandogli la possibilità di dimostrare, nonostante la giovane età, una già notevole capacità tecnica. Rimase presso i Pedrotti, che nel frattempo avevano assunto anche il fratello Romano (1935-1988), fino al 1961 anno in cui rilevò lo studio di Giuseppe Grosselli cominciando, parallelamente, l'attività di reporter presso il quotidiano "L'Adige" e alcuni enti quali la Regione e la Camera di Commercio.