Biblioteca del Liceo classico "G. Prati" di Trento

Fondi di conservazione: Incunaboli e cinquecentine (78), seicentine (34), settecentine (382) e un particolare fondo di testi scolastici del periodo fascista. Dal 1480. La biblioteca del Liceo classico "Giovanni Prati" ha origini antiche: furono, infatti, i padri Gesuiti nel XVII secolo a dare l'avvio alla formazione di un primo prezioso fondo. Nel XVIII secolo, in seguito alla soppressione della Compagnia di Gesù e alla secolarizzazione dei monasteri, i libri appartenuti al Collegio Tridentino furono dispersi, bruciati o gettati nel fiume Adige dai soldati francesi. È possibile far risalire al 1811 la formazione della raccolta attuale, quando, durante il governo italo-napoleonico, i volumi sopravvissuti vennero distribuiti alle istituzioni scolastiche. La raccolta fu incrementata nel 1938 grazie al lascito testamentario del prefetto del Ginnasio, prof. Giorgio Luchi, e, successivamente, alle donazioni di altri docenti, prefetti e studiosi. Oggi la biblioteca vanta un patrimonio di oltre 35.000 volumi, costantemente aggiornato negli ambiti disciplinari oggetto d’insegnamento: da una raccolta di preziosi incunaboli e cinquecentine, seicentine, settecentine alle ultime novità editoriali. Conserva, inoltre, numerose riviste tra le quali Praticantati, il giornalino redatto mensilmente dal 1996 dagli studenti della scuola, e gli Annuari, editi puntualmente dall'anno scolastico 1850/51, fonti preziose per la storia del Liceo. L’archivio storico copre gli anni dal 1797 al 1972 e vi si trova notizia di illustri personaggi trentini. Iniziative di studio, ricerca e valorizzazione recentemente realizzate: mostra bibliografica documentaria Il Liceo Prati nel 1861 per il centocinquantesimo dell'Unità d'Italia; mostra 1812-2012: 200 anni in via SS. Trinità con documenti e testi sul trasferimento del Liceo dal Collegio dei Gesuiti alla sede del Convento delle Clarisse Urbaniste della SS. Trinità; mostra Le collezioni scientifiche del Liceo Prati con esposizione di cinquecentine, atlanti botanici austriaci realizzati con la particolare tecnica della fisiotipia e testi scolastici in uso nei secoli scorsi. Oltre alla costante attività espositiva, la biblioteca produce bibliografie tematiche per tesine di maturità, per progetti dei docenti, studenti universitari e studiosi.

apertura

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica
10:00 - 12:30 10:00 - 12:30