Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Due incontri della Commissione provinciale pari opportunità tra Donna e Uomo per riflettere sul tema e guardare al futuro

La "Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne" è stata istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 e si celebra il 25 novembre di ogni anno con una serie di attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica. La ricorrenza è stata istituita partendo dall’assunto che la violenza contro le donne sia una violazione dei diritti umani. Tale violazione è una conseguenza della discriminazione contro le donne, dal punto di vista legale e pratico, e delle persistenti disuguaglianze tra uomo e donna.

Anche in Trentino si moltiplicano le iniziative dedicate non solo alla riflessione su questi temi, ma soprattutto alla volontà di perseguire dei risultati concreti che possano migliorare la condizione delle donne. L'impegno è molteplice e pluridirezionale, e chiama a raccolta diversi soggetti culturali operanti sul territorio, in primis la Commissione provinciale pari opportunità tra Donna e Uomo, che indirizza la sua azione a consolidare e allargare la rete fra associazioni, movimenti, istituzioni e altre realtà interessate alle tematiche di pari opportunità, a cominciare dalla prevenzione e dal contrasto delle violenze contro le donne.

"Partendo dall’idea – largamente ormai condivisa – che le violenze di genere hanno radici culturali e sociali profonde, siamo convinte che insieme – donne e uomini – possiamo affrontarle e combatterle", spiegano le responsabili della Commissione. Allo scopo hanno organizzato due incontri nella convinzione che "una cultura paritaria, un corretto linguaggio di genere, una seria educazione al rispetto delle differenze volta a instaurare e coltivare relazioni sane e non prevaricanti, accanto a politiche e leggi ad hoc", costituiscano le basi di una società "realmente democratica, giusta e non violenta", osservano ancora.

Su questi argomenti si concentrerà il forum dal titolo "Riuniamo le forze, non i pezzi. Insieme per prevenire e combattere le violenze contro le donne prima che le loro vite vadano in pezzi", in programma il 22 novembre dalle 14.15 alle 18.30 alla sala Marangonerie del Castello del Buonconsiglio di Trento.

Il secondo appuntamento, "Curare senza paura. la sicurezza e la prevenzione delle violenze di genere nelle professioni sanitarie", si svolgerà invece il giorno successivo alla Sala conferenze della Fondazione Caritro di Trento dalle 8.45 alle 13.

"Questa volta abbiamo deciso di dedicare un focus alle violenze di genere nell’ambito delle categorie che operano nel settore sanitario e dei servizi di assistenza alla persona. Esso è vasto e complesso, caratterizzato da una pluralità di figure professionali, mansioni ed attività lavorative e da una importante presenza di forza lavoro femminile. I dati europei rilevano che il tasso di infortuni sul lavoro in questo settore è di circa un terzo superiore rispetto alla media Ue in altri comparti. I principali fattori di rischio sono connessi alle peculiari modalità di organizzazione del lavoro. Sui rischi cosiddetti classici, si innestano poi fattori di natura più strettamente psico-sociale fino ad arrivare, nei casi più gravi, a violenza fisica e sessuale", spiegano le responsabili.

tutte le info


05/11/2019