Peppe Vessicchio e i Solisti del Sesto Armonico

Musica

La musica fa crescere i pomodori… e molto altro
La narrazione prende spunto dal libro “la musica fa crescere i pomodori” scritto da Peppe Vessicchio con Angelo Carotenuto (Rizzoli Ed.). Il Maestro esprime la propria visione della musica, con inserimenti di ironiche riflessioni su personali vicende. Dalla sua voce vengono tracciate riflessioni sui brani del programma, gustosi ricordi del festival di Sanremo, nonché le note più specifiche sui poteri della musica che fa crescere i pomodori... e molto altro. La musica è accompagnata dalle immagini delle creazioni su sabbia dell’artista Simona Gandola.

Giuseppe Vessicchio, conosciuto come Peppe è un compositore napoletano che ha lavorato come arrangiatore e direttore d'orchestra nell'ambito della musica leggera, in particolare con quella prodotta nei programmi della televisione.

È una figura artistica fortemente collegata al Festival di Sanremo.

Nel 2012, insieme ad alcuni solisti di grande talento, ha fondato "Il Sesto Armonico", un’orchestra ma anche un libero movimento musicale, a cui è correlato uno studio su uno specifico procedimento polifonico che caratterizza le composizioni o le elaborazioni musicali eseguite.

Tale polifonia che Vessicchio ha codificato in un suo studio è stata da lui stesso battezzata "Musica Armonico-Naturale", perché regolata in base a principi di fisica acustica desunta dal comportamento dei corpi elastici in natura e permette di mantenere un criterio logico-fisico tra il mondo di Mozart a quello di Shostacovich, finendo per inglobare tutti gli stilemi colti e popolari che si possono incontrare nella abolizione storica del linguaggio.

Costi

Ingresso: Intero euro 5; Ridotto euro 3 (fino ai quindici anni)

Informazioni sulla prevendita

Cortile Crispi -Bonporti Via San Giovanni Bosco 6 dalle ore 20.00 (fino ad esaurimento posti)

online: sul sito www.primiallaprima.it

acquisto diretto alle Casse Rurali del Trentino


organizzazione: Comune di Trento, Servizio Cultura, Turismo e Politiche Giovanili