Libro fondiario e Libri di archiviazione: istruzioni per l'uso

La prossima iniziativa nell'ambito del ciclo degli “Incontri del giovedì in Archivio provinciale” è prevista per giovedì 16 novembre alle 17

[ Ufficio beni archivistici, librari e Archivio provinciale]

La prossima iniziativa nell'ambito del ciclo degli “Incontri del giovedì in Archivio provinciale” è prevista per giovedì 16 novembre alle 17 ed è dedicata al tema “Libro fondiario e Libri di archiviazione: istruzioni per l'uso”.

Chi non ha mai avuto la curiosità di conoscere la provenienza delle proprietà personali o familiari? Quali proprietà immobiliari sono state acquisite o perdute dai nostri avi nel corso del tempo, se la casa di famiglia è stata costruita dal nonno o da un avo vissuto prima di lui, quanti passaggi di proprietà ha avuto il frutteto appena acquistato e se ha sempre avuto la stessa destinazione d'uso. A queste e ad altre domande possono rispondere i documenti del Libro fondiario e dei Libri di archiviazione.

Il sistema Tavolare o del Libro fondiario è un sistema di pubblicità immobiliare, a base reale, che è tuttora in vigore nella provincia di Trento, come in altri territori ex austriaci annessi all'Italia dopo la Prima Guerra mondiale (le province di Bolzano, Trieste e Gorizia e alcune località delle province di Udine, Belluno, Vicenza e Brescia). La competenza in materia di libro fondiario è in capo alla Regione autonoma Trentino Alto Adige quale competenza legislativa primaria. Con legge regionale 17 aprile 2003, n.3 sono state delegate alle province di Trento e Bolzano le funzioni amministrative in materia di tenuta e impianto dei Libri fondiari.

Prima dell'impianto del Libro fondiario in Trentino era in uso un altro sistema di pubblicità immobiliare cosiddetto dei Libri di archiviazione, che consisteva nella registrazione e deposito, presso gli uffici dei giudizi distrettuali, dei documenti costitutivi, modificativi ed estintivi di diritti reali su beni immobili. Queste operazioni di archiviazione hanno prodotto una corposa raccolta di documenti, affidati dallo Stato in custodia e manutenzione alla Provincia autonoma di Trento e attualmente conservati presso l'Archivio provinciale.

L'incontro vuol essere occasione per avvicinare questo mondo, con cui la maggior parte degli utenti ha ancora poca confidenza: si farà cenno alla storia e ai fondamenti dei due sistemi, illustrandone l'utilizzo, che avviene principalmente per motivi giuridico-amministrativi, ma può rispondere anche ad esigenze storiche e si proporranno alcuni esempi di ricerche possibili.

L'iniziativa è riconosciuta ai fini dell'aggiornamento docenti

Iole Manica, Paola Tavelli - rispettivamente del Servizio Libro fondiario e dell'Ufficio beni archivistici, librari e Archivio provinciale

13/11/2017