Palafitta di Fiavé - Museo delle palafitte di Fiavé

[ foto Bellintani]

La scoperta dell'esistenza di un abitato preistorico nel bacino dell'ex lago Carera, progressivamente intorbatosi, avvenne nella metà del secolo scorso in seguito a lavori di estrazione della torba.
Dal 1969 al 1976 furono intraprese ricerche sistematiche, che interessarono due zone distinte della torbiera e l'attiguo Doss Gustinaci.
Nel 1981 sono stati ripresi i lavori, tuttora in corso, con indagini alle quali partecipano Istituti, Musei ed Università italiane ed estere.

Dal Museo delle Palafitte di Fiavé all'area archeologica
Nell'area archeologica delle Palafitte di Fiavé sono visibili i resti dei pali delle costruzioni preistoriche. Il sito si trova all'interno del biotopo Carera, riserva naturale, ed è visitabile liberamente.
E' raggiungibile a piedi, in circa 30 minuti, lungo un comodo percorso che parte da via 3 Novembre a poche centinaia di metri dal museo, oppure in automobile lungo la strada provinciale n.421 seguendo le indicazioni per Passo del Ballino - Riva del Garda con parcheggio presso il Dos Gustinacci.

 

Museo delle Palafitte di Fiavé

apertura

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

Note sull'accessibilità del sito

Per maggiori informazioni sull'accessibilità del percorso all'interno del Biotopo visita il sito

TRENTINO PER TUTTI - SEZIONE PERCORSI.

Rilevazioni eseguite dal personale della Cooperativa HandiCREA