Museo degli usi e costumi della gente trentina

l Museo si distingue per l’attenzione che dedica al sistema agrosilvopastorale della montagna trentina, alle lavorazioni artigiane di supporto al mondo contadino,alle testimonianze della religiosità, della musica e del folklore.

Il museo dall'alto [ Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina]

In un ricco percorso espositivo che attraversa 43 sale, il Museo si distingue per l’attenzione che dedica al sistema agrosilvopastorale della montagna trentina e alle lavorazioni artigiane di supporto al mondo contadino – legno, ferro, rame, ceramica, tessuti – fino alle testimonianze della religiosità, della musica e del folklore.

Nella fabbrica si possono vedere gli strumenti di lavoro, alcuni oggetti in cristallo e documenti relativi all’opera dei mastri vetrai boemi.

Museo del turismo trentino, con il bar, la sala ristorante e le camere da letto arredate in stile

Calcara - Vigolo Vattaro

La calcara di Vigolo Vattaro, ancora oggi perfettamente integra nella sua struttura a tolos, testimonia l’attività di produzione della calce

Calcara di inzio Novecento, in buono stato di conservazione

Nella canonica della pieve, che risale al Quindicesimo secolo, sono allestiti ambienti della casa tradizionale.

Raccolta di oggetti della tradizione rurale.

Riallestimento di una casa contadina di dimensioni monumentali.

L’allestimento raccoglie una ricca collezione etnografica.

Casa Grazioli o "de la béga" - Strombiano

La casa testimonia l’evoluzione dell’abitare contadino negli ultimi due secoli

Casa rurale con ambienti che hanno mantenuto la loro destinazione d’uso.

Caseificio turnario di Peio

Nel caseificio vi sono la sala con le 3 caldaie in rame, il locale con le vasche per l’affioramento della panna, quello per la salamoia, il magazzino, e un banco per la vendita

Casèl di Somrabbi

Museo dove sono esposti gli strumenti tradizionali della filiera casearia, che consentono la produzione di burro, formaggio e ricotta.

Ricca collezione di oggetti di cultura materiale che testimonia le attività agricole praticate un tempo nelle aziende contadine.

Testimonianza di un antico distretto industriale destinato alla lavorazione del materiale ferroso estratto principalmente dalle miniere di Comasine

Fucina Marinelli - Malè

All’interno dell'opificio c’è un grande maglio, datato 1834, e sopra la doppia forgia in pietra, una cappa monumentalei. Incudini, martelli, tenaglie, la vasca della tempera e un campionario della strumentazione

Fucina Tognolli - Borgo Valsugana

La fucina a maglio idraulico produceva a partire da masselli di ferro acquisiti sul mercato una gamma sorprendentemente ampia di attrezzi per l’agricoltura

Haus von Prükk - Luserna

Tipica casa contadina di un paese cimbro

Sezione del Museo ladin de Fascia, documenta oggetti dell’allevamento e della caseificazione caratterizzanti il sistema economico della Comunità di Fassa

La fusina di Prè - Ledro

Piccola fucina in cui è ancora possibile in qualche occasione vedere i chiodaioli al lavoro

Laboratorio di tessitura “Gianni Rigotti” presso ecomuseo della val di Peio - Peio

Il laboratorio di tessitura valorizza la lavorazione delle fibre tessili così come veniva effettuata un tempo a livello domestico in val di Peio.

Malga Covel - Peio

Testimonianza del sistema di alpeggio

Molin de Pèzol - Pera di Fassa

Nel mulino sono esposti con ordine e illustrati tutti gli strumenti per la prima lavorazione della farina e per la manutenzione dell’impianto.

Molìn dei Frizi - Cimone

Mulino con due ruote a cassette utilizzate per mettere in movimento le macchine per la molitura e l’abburattamento del grano

Il mulino ha macinato grani fino agli anni ottanta del secolo scorso. Ha conservato integri gli apparati molitori: una macina e una molazza

Raccolta di strumenti di lavoro del boscaiolo, falegname, bottaio e ricostruzione ambienti della tradizione contadina.

Mulini Canal San Bovo (frazione Ronco Cainari)

Nella valle del Vanoi sono stati ristrutturati due mulini adiacenti: il mulìn de sóra e il mulin de sòt.

Nei locali d’abitazione del mugnaio è allestita un’originale collezione di spaventapasseri.

Ultimo rimasto nel rio Sassè il mulino Bertagnolli, dove si sono macinati frumento, grano saraceno, segale e mais fino al 1950

Mulino della Meneghina - Capriana

Vi si trova ricostruito l’ambiente di lavoro di un piccolo opificio popolare, e viene anche ricordata la triste, misteriosa vicenda della giovane mistica «Meneghina»

Mulino Rella - Folgaria (frazione Mezzomonte)

Nel mulino vi sono due macine da grano, oltre a un brillatoio e una pila da orzi, mossi un tempo da due ruote idrauliche